12
feb
2019
MAIREC CITATO IN GIUDIZIO PER PRATICHE FRAUDOLENTE😲

POSTED BY ALICE

Molto rumore per niente? Difficilmente!

Una tempesta si sta preparando nell'industria americana dei convertitori catalitici con un cast e una trama simile a un'opera teatrale shakespeariana. Non si può sottovalutare l'impatto potenziale su un'impresa che ha sempre operato sulla base di onestà e trasparenza.

Un'importante società tedesca di riciclaggio, MAIREC, con una filiale negli Stati Uniti, è attualmente citata in giudizio da due società americane di recupero di convertitori catalitici di rottami per pratiche fraudolente e truffe che comportano la contaminazione dei campioni e l'alterazione dei saggi a scapito della loro attività.

MAIREC Metallo Prezioso

MAIREC è stata fondata nel 2003 dal team di coniugi Julia e Thomas Maier ed è oggi un'azienda di riciclaggio "di successo" specializzata nel recupero di metalli preziosi da rottami aziendali e industriali. Il recupero dei MGP dalle marmitte catalitiche è una delle principali fonti di reddito dell'azienda. Nel 2015, la Maier ha esteso la propria attività negli Stati Uniti, con la fondazione della MAIREC Precious Metals U.S. Inc., nominando Mikhail Khaimov come Presidente dell'azienda. Khaimov, come mostreremo, ha un ruolo di primo piano in questa storia.

I querelanti

366 International e PGM del Texas sono entrambe aziende di recupero di catalizzatori a conduzione familiare, rispettivamente in Kentucky e Texas, che ricevono ed elaborano le spedizioni da clienti in tutti gli Stati Uniti.

Nel 2016, entrambi hanno firmato un accordo di fornitura esclusiva (ESA) con MAIREC per la fornitura di tutti i loro catalizzatori. MAIREC era tenuta a pagare entrambe le società sulla base dei valori concordati contrattualmente per le percentuali di restituzione dei metalli in ogni lotto spedito.

Le cause MAIREC

Ai sensi dell'accordo ESA tra MAIREC ed entrambi i ricorrenti, Mairec US era tenuta a prelevare un campione dei MGP da tutti i lotti forniti dalle aziende e a pesare e analizzare il campione per determinare l'esatto contenuto metallico dell'intero lotto. Il processo di analisi è una parte critica del rapporto commerciale tra tutte le parti, con i ricorrenti e i loro clienti che dipendono totalmente dai valori di analisi per determinare i valori percentuali del metallo e quindi determinare quale prezzo sarebbe stato pagato per ogni lotto.

MAIREC ha effettuato questa analisi negli Stati Uniti, poi in Germania e il personale dei ricorrenti non ha mai ritenuto necessario essere presente quando ciò è avvenuto, sottolineando la fiducia e la trasparenza che da sempre (almeno fino ad oggi) esiste nel settore. L'ESA, così come gli standard industriali, esigono che i test siano condotti in modo equo e scrupoloso, in modo che fornitori come 366 e PGM del Texas non siano truffati o frodati.

Tuttavia, in un periodo di tempo durante il 2018, 366 e i suoi clienti si sono lamentati con il presidente della società Mikhail Khaimov per le basse percentuali di metallo riportate. Nonostante Khaimov abbia assicurato che tutte le analisi sono state condotte in modo scientifico ed equo, 366 ha chiesto ad un laboratorio terzo neutrale di analizzare un determinato lotto - una disposizione concordata nell'ambito dell'accordo ESA.

Questa revisione indipendente non ha riportato alcun errore, mostrando risultati simili a quelli di MAIREC, e quindi 366 non ha avuto altra scelta se non quella di continuare a lavorare con MAIREC, nonostante gli scarsi rendimenti che hanno portato 366 a perdere sia i guadagni che molti dei suoi clienti.

Le cose si sono fatte strada nel settembre 2018, quando un dipendente di 366 dipendenti è stato informato da un dirigente di MAIREC US, Mark Hartigm, che 366 sono stati vittime di uno schema di frode istituito da Khaimov e dall'azienda. Questa frode ha comportato l'aggiunta di una determinata quantità di contaminante - sabbia, vetro o altri elementi non MGP - ad ogni campione, sottovalutando così la percentuale reale di metallo in un dato lotto. Questo contaminante è stato introdotto in ogni lotto e, poiché MAIREC ha fornito il campione anche al laboratorio indipendente, ciò spiegherebbe la somiglianza dei risultati. I metalli supplementari rimossi da ogni 366 campioni sono stati poi versati come puro profitto a MAIREC.

Su questa esposizione, è stata convocata una riunione negli Stati Uniti, alla quale hanno partecipato i proprietari tedeschi, Julia e Thomas Maier, durante la quale Julia Maier ha dichiarato di essere scioccata da queste rivelazioni e ha promesso un "audit indipendente" completo e approfondito, giurando di porre rimedio alla situazione. La sua posizione era che Khaimov aveva orchestrato i saggi bassi, indipendentemente da qualsiasi direzione dalla Germania. Infatti, alcuni dipendenti statunitensi hanno ammesso di aver contaminato i campioni, ma hanno negato che si trattasse di una pratica disonesta o fraudolenta! C'è, però, SMS e comunicazioni via e-mail che suggeriscono che i Maier erano pienamente consapevoli, e parte in causa, delle attività fraudolente, come suggerisce questo unico esempio di e-mail, presentato ai tribunali come prova:

Nonostante le continue rassicurazioni di Julia Maier, sembra che non ci sia stato alcuno sforzo da parte della MAIREC per porre rimedio alla loro apparente truffa di saggi contaminanti, e 366 hanno ora deciso di intentare una causa civile.

MAIREC è accusata di inadempimento contrattuale, inadempimento contrattuale accompagnato da un atto fraudolento, frode e violazione di pratiche commerciali sleali. 366 ha chiesto un processo da parte della giuria e si prevede che il caso arrivi in tribunale nel 2019.

PGM del Texas

La PGM del Texas ha appreso per la prima volta dello schema di MAIREC di "rig" fraudolentemente saggi come risultato di una dettagliata denuncia di 366. Sebbene apparentemente ignoranti della possibilità che i loro saggi non fossero condotti in modo scientifico ed equo, l'azienda ha comunque contattato il Presidente di MAIREC USA, Mikhail Khaimov, per chiedere se i MGP del Texas fossero stati truffati allo stesso modo del 366.

Verso la fine di ottobre 2018, Khaimov, ha ammesso che MAIREC ha effettivamente "rig" intenzionalmente "rig" i saggi dei MGP del Texas allo stesso modo, confermati in una serie di messaggi di testo.....

"Sapevo che quello che ho fatto era sbagliato."

"Non avrei mai dovuto essere coinvolto con i Maier......non sono mai stato io......". Ho una buona morale, ma avrei dovuto alzarmi e andarmene prima .... Ma ora sai il motivo per cui sono andato via. Non voleva piu' fare questo tipo di lavoro. "Non volevo essere carnefice."

"Mi è stato detto che è così che MAIREC fa il suo lavoro....... Mi è stato detto cosa fare perché è la normale prassi commerciale di MAIREC. "Non era personale, mi è stato detto di aumentare i profitti."

PGM contro MairecTexts
tra Allen Hickman, Jr. e Mikhail Khaimov (ex Pres. di Mairec negli Stati Uniti) :

1 to 9

PGM v. Mairec
PGM v. Mairec
PGM v. Mairec
PGM v. Mairec
PGM v. Mairec
PGM v. Mairec
PGM v. Mairec
PGM v. Mairec
PGM v. Mairec
 

 

 

 

Khaimov ha anche tentato di sostenere che le manipolazioni dei saggi erano comuni tra molti raffinatori tedeschi, ma alla fine, si è "vergognato" delle sue azioni.

Con tutte queste prove disponibili, la PGM del Texas ha avviato una causa simile a 366 contro MAIREC nel novembre 2018.

Conclusioni

Che la frode si è verificato è indiscutibile - Mikhail Khaimov ha ammesso che, per iscritto. I Maier sostengono che si tratta di una questione puramente statunitense e che non sono stati coinvolti; le prove, tuttavia, suggeriscono il contrario. Come dice il casellario giudiziale:

"Sembrerebbe evidente che MAIREC ha fatto dichiarazioni intenzionalmente false allo scopo di indurre la 366 e la PGM del Texas a continuare i suoi rapporti commerciali con loro e a continuare a fornire loro convertitori catalitici secondo i termini dell'ESA".

Nel tentativo di ingannare i suoi clienti, tra cui 366 e la PGM del Texas, per convincere MAIREC a fidarsi di MAIREC e del suo metodo di gestione aziendale, ha persino fatto le seguenti dichiarazioni sul suo sito web:

"Le relazioni sono costruite sulla fiducia, questo è ciò che vogliamo da te. Siamo pronti a guadagnarcela e siamo convinti che ci riusciremo. Possiamo raggiungere questo obiettivo fornendovi la massima qualità del lavoro, ottenendo risultati eccellenti e offrendovi la struttura dei prezzi più ottimale e competitiva. E per lo stesso motivo, possiamo guadagnarci la vostra fiducia, perché potete contare pienamente su di noi - non se o ma - incondizionatamente, in ogni aspetto di ciò che facciamo".

La condotta di MAIREC, che include l'inganno palese e l'occultamento della pratica dei test di contaminazione, ha portato a molteplici e continui atti di frode che hanno entrambi violato i termini delle ESA e danneggiato 366 e PGM del Texas (e dei loro clienti) nel corso della vita dell'ESA. Come risultato diretto delle dichiarazioni fraudolente e false, entrambe le società sono suscettibili di ricevere un risarcimento danni - 366 rivendicano una perdita di guadagni nel corso della vita dell'ESA di 16 milioni di dollari, mentre la PGM del Texas una perdita di 3 milioni di dollari. Inoltre, entrambi chiedono il risarcimento dei danni punitivi per riflettere la perdita di avviamento e, di fatto, dei clienti, a seguito delle azioni di MAIREC.

Esistono altre MAIREC ESA in vigore negli USA e, in caso affermativo, anche questi clienti sono destinatari di una truffa?

Abbiamo prove evidenti di azioni fraudolente da parte della società negli Stati Uniti, ma chi può dire che MAIREC non sta svolgendo un'attività simile nel suo mercato interno europeo?

Il futuro

Come abbiamo accennato all'inizio di questo articolo, il settore del recupero dei convertitori catalitici ha sempre goduto di relazioni commerciali oneste, aperte e trasparenti. Ora, però, le cause MAIREC hanno messo seriamente in discussione questa premessa.

Forse parte della soluzione per contribuire a sradicare l'attività fraudolenta sul mercato è la tecnologia. L'industria ha visto negli ultimi anni un crescente progresso tecnologico.

Investimento di attrezzature che consente di analizzare, tagliare e raffinare in modo efficiente tutti i modelli di catalizzatori e filtri antiparticolato diesel.

Laboratori moderni e tecnicamente avanzati, ma abbinati ad una politica di "porte aperte" che accoglie le visite dei clienti in qualsiasi momento.

Non è difficile oggi monitorare i prezzi di mercato di tutti i metalli preziosi per garantire che i prezzi dei gatti siano equi e attuali.

In definitiva, tuttavia, il settore è ancora un "business per le persone" e continua a dipendere dalla fiducia e dalla trasparenza. Le aziende con una comprovata storia di rapporti con i propri fornitori, che hanno investito in strutture moderne e che offrono un'assistenza amichevole e personale sono quelle che possono offrire servizi equi, competitivi e tempestivi.