18
mag
2018
I VECCHI VEICOLI DIESEL VIAGGIANO MOLTO🚗

POSTED BY SARAIWAN

 

 

Veicoli diesel nel mercato dell'usato

Dall'inizio del 2018, il 64% dei veicoli venduti sul mercato dell'usato in Francia ha un motore diesel, di cui solo il 35% ha un motore a benzina. Si tratta di una differenza significativa rispetto al mercato dei veicoli nuovi. Infatti, il 55% dei veicoli nuovi ha un motore a benzina. Nel 2017, in Francia sono stati registrati circa 3,7 milioni di veicoli diesel di seconda mano, di cui 2,5 milioni di veicoli di più di 5 anni. A seguito dell'introduzione di un nuovo premio di conversione il 1° gennaio 2018, ora disponibile per l'acquisto di un veicolo usato, decine di migliaia di vecchi diesel (immatricolati per la prima volta prima del 2006) usciranno dal mercato e saranno inviati nei centri ELV.

Negli ultimi anni, la quota di veicoli diesel nei veicoli usati esportati dalla Francia è aumentata, passando dal 67% nel 2012 al 75% nel 2016. I veicoli diesel vengono esportati principalmente nei paesi dell'Europa meridionale e orientale, mentre i veicoli elettrici sono richiesti soprattutto nei paesi scandinavi.

"Il Belgio e l'Austria, insieme alla Francia, sono i principali paesi europei dove sono presenti le auto diesel. Tuttavia, importano pochissimi veicoli", spiega il responsabile del reparto usato di un grande gruppo francese. "Inoltre, la Spagna importa principalmente modelli diesel di qualità superiore. Quando si tratta di questi veicoli di seconda mano siamo lasciati a noi stessi e il modo più diretto per venderli è quello di abbassare i prezzi".

 

Alla ricerca di nuove opportunità.....

Il gruppo "BC Auto Enchères", Re-marketing Specialist in Europa, sta studiando attivamente la questione cercando nuovi territori. Dal suo punto di vista, ha dichiarato il capo della Re-marketing di Arval, affittuario a lungo termine: "I modelli della marca francese sono molto popolari in Portogallo. Non vi è alcun rallentamento delle nostre esportazioni di veicoli usati. Tuttavia, stiamo lavorando allo sviluppo e alla diversificazione dei canali di rivendita per anticipare una potenziale flessione del mercato dell'usato in Europa, per motivi di politica fiscale o di regolamentazione".

Uno scenario del genere potrebbe accadere in Germania, dove il diesel è molto impopolare, soprattutto perché alcune città come Stoccarda e Düsseldorf hanno vietato la circolazione di vecchie auto diesel.

 

Una soluzione incapace di risolvere il problema principale

Naturalmente, alcuni specialisti sottolineano il fatto che queste esportazioni "spostano il problema dell'inquinamento nell'UE invece di risolverlo". L'Africa (in particolare l'Africa occidentale) riconosce uno scenario simile a quello europeo. Secondo le stime dell'Agenzia centrale africana di informazione, tra i 4 e i 5 milioni di veicoli usati lasciano l'Europa verso il continente africano. E sembra che 450.000 di questi siano venduti in Africa occidentale.

Nel 2013, il Gabon ha intrapreso un'azione forte vietando l'ingresso nel suo territorio ai veicoli usati di età superiore ai 3 anni. Nel 2016 ha modificato il limite a 5 anni. Anche il Togo sta valutando la possibilità di adottare una misura analoga. L'aspetto più importante è che il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente sta attualmente lavorando in collaborazione con l'Agenzia di informazione dell'Africa centrale. Infatti, stanno creando uno studio dedicato alla rivendita di auto usate in Africa. Questo studio mira a proteggere i paesi africani dall'inquinamento automobilistico.

Fonte: Pro L'argus